Paul Klee

Aggiornato il: apr 3


Nato il 18 dicembre 1879, Paul Klee è cresciuto a Münchenbuchsee vicino a Berna, in Svizzera. Suo padre, Hans Wilhelm Klee, era un insegnante di musica e sua madre, Ida Marie Klee, cantante svizzera. Klee ha ricevuto lezioni di violino presso la Scuola Municipale di Musica. La sua abilità musicale è cresciuta a un ritmo esponenziale e quando ha compiuto 11 anni è stato invitato a suonare lo strumento come giovane straordinario membro di talento dell'Associazione Musicale di Berna. Erano i desideri dei suoi genitori che ha esaudito concentrandosi sulla musica nei suoi preadolescenti. Successivamente ha cambiato idea e ha spostato la sua attenzione verso l'arte visiva. Il cambiamento di cuore era in parte dovuto alla fase di ribellione adolescenziale e in parte alla sua mancanza di fiducia nella musica moderna. Klee praticava la musica del XVIII e XIX secolo e si sentiva emotivamente legato ad essa.


Quando Klee era a scuola iniziò a disegnare nei suoi libri di scuola. Ha disegnato caricature con abilità di un artista dotato. I suoi genitori mostrarono una risposta tiepida alla sua abilità nel disegno e con riluttanza diedero il permesso di frequentare l'Accademia di Belle Arti di Monaco per studiare arte nel 1898. Nonostante il suo talento per il disegno, gli mancava il dipartimento dei colori. Dopo aver conseguito la laurea in Belle Arti, andò in Italia nel 1901. Accompagnò un amico, Hermann Haller, e rimasero nel fulcro delle arti europee, Roma, Firenze e Napoli, studiando a fondo i pittori iconici.


Durante l'esplorazione del corpo di lavoro dei pittori, Klee ha notato che aveva una lunga strada da percorrere in termini di impiego dei colori nel suo lavoro. Credeva che i colori rappresentassero l'ottimismo di cui i suoi disegni in bianco e nero erano in completa opposizione. Al suo ritorno in Svizzera, rimase con i suoi genitori mentre periodicamente prendeva lezioni di arte. Negli anni successivi, ha sperimentato il lavoro con l'ago su una lastra di vetro annerita. Questa nuova tecnica ha prodotto cinquantasette opere tra cui il suo Ritratto di mio padre. Il suo primo lavoro esposto è stato un ciclo di undici acqueforti su lastra di zinco intitolato Invenzioni. L'opera mostrava diversi personaggi grotteschi. Nonostante la sua inclinazione verso la pittura, Klee non abbandonò del tutto la musica. Ha continuato a suonare il violino in un'orchestra mentre scriveva recensioni di teatro e concerti.


Nel 1906 sposò la pianista bavarese Lily Stumpf. Negli anni successivi, Klee tentò la fortuna di diventare un illustratore di riviste, ma non ci riuscì. D'ora in poi il suo lavoro rallentò a causa della sua vita domestica e di nuovi esperimenti artistici. Alla fine, ha annunciato una mostra personale nel 1910 che in seguito ha viaggiato in altre tre città. Incontrò un tipografo austriaco, Alfred Kubin, che gli suggerì di illustrare la satira francese Candide, ou l'Optimisme, una delle opere di Voltaire. Klee produsse in modo prolifico arte grafica in questo periodo. Kubin ha applaudito le sue illustrazioni satiriche e oscure e presto è diventato il suo fedele compagno e collezionista del suo lavoro.


Il sindacato degli artisti di Monaco Sema è stato co-fondato da Paul Klee insieme ad altri membri e anche lui lo ha gestito. Inoltre, è entrato a far parte della redazione dell'almanacco Der Blaue Reiter, diretto da Kandinsky e Franz Marc. La sua prima mostra si tenne alla Moderne Galerie Heinrich Thannhauser nel 1911.







CATEGORIE

IN EVIDENZA