Gerardo Dottori

Aggiornato il: apr 20




Biografia

Dottori (1884-1977) si diploma in pittura all'Accademia di Belle Arti di Perugia. Dopo un breve periodo a Milano (1906-07) tornò nella sua città natale dove i suoi primi lavori includevano murales di chiese e schemi decorativi commissionati da mecenati privati.


Tra la fine del 1911 e l'inizio del 1912 incontrò Giacomo Balla e si unì al movimento futurista, diventando la figura dominante all'interno dei circoli d'avanguardia dell'Umbria. Con opere come Explosion of Red on Green (1910-13; London: Tate Modern) Dottori diventa uno dei primi futuristi ad analizzare il dinamismo del mondo naturale, piuttosto che quello generato dalle macchine e dall'ambiente urbano. Durante la prima guerra mondiale continuò a disegnare e scrivere racconti, oltre a comporre diverse poesie sperimentali di "parole libere" che furono pubblicate sulla rivista L'Italia Futurista con lo pseudonimo di G. Voglio.


Nel 1920 ha co-fondato il periodico d'avanguardia Griffa! e tiene la sua prima mostra personale a Roma. Nel 1924 la sua opera Primavera umbra fu accettata dalla Biennale di Venezia, rendendo Dottori il primo futurista ad esporvi. Esporrà le sue opere a tutte le Biennali dal 1926 al 1942 e dal 1931 al 1948 parteciperà alle Quadriennali di Roma.


Dottori è stato uno dei più importanti esponenti dell'"arte sacra futurista" e ha svolto un ruolo chiave nello sviluppo dell' "aeropittura". Questo genere ha dominato l'arte futurista per tutti gli anni '30 e ha cercato di evocare le novità sensoriali e psicologiche vissute in volo.


I panorami lirici ed espansivi di Dottori del paesaggio umbro - dipinti come se visti ad altitudini immense attraverso un obiettivo fisheye - sono caratteristici del suo approccio distintivo a questo argomento. Fu direttore dell'Accademia di Belle Arti di Perugia tra il 1940 e il 1945, dove continuò ad insegnare fino al 1966. Le immagini di Arial rimasero una caratteristica costante del lavoro di Dottori per tutta la sua carriera, ma verso la fine della sua vita creò anche una serie di suggestive ma delicate opere astratte su carta.




CATEGORIE

IN EVIDENZA