Beeple ha venduto un NFT per $ 69 milioni

Attraverso un'asta unica nel suo genere da Christie's







Fino a ottobre, il massimo che Mike Winkelmann - l'artista digitale noto come Beeple - avesse mai venduto, era una stampa per $ 100.


Oggi, un NFT del suo lavoro è stato venduto per 69 milioni di dollari da Christie's. La vendita lo colloca "tra i primi tre artisti viventi di maggior valore", secondo la casa d'aste.


La vendita di NFT da record arriva dopo mesi di aste sempre più preziose. In ottobre, Winkelmann ha venduto la sua prima serie di NFT, con una coppia da $ 66.666 ciascuno. A dicembre ha venduto una serie di opere per un totale di 3,5 milioni di dollari. E il mese scorso, uno degli NFT originariamente venduto per $ 66.666 è stato rivenduto per $ 6,6 milioni.


Gli NFT, o token non fungibili, sono file unici che vivono su una blockchain e sono in grado di verificare la proprietà di un'opera d'arte digitale. Gli acquirenti in genere ottengono diritti limitati per visualizzare le opere d'arte digitali che rappresentano, ma in molti modi stanno solo acquistando i diritti per vantarsi e una risorsa che potrebbero essere in grado di rivendere in un secondo momento. La tecnologia è assolutamente esplosa nelle ultime settimane e Winkelmann, è stato in prima linea nella sua rapida ascesa.


"Ci ha mostrato questo collage, e quello è stato il momento in cui ho capito che sarebbe stato estremamente importante", ha detto a The Verge Noah Davis, specialista in arte contemporanea e del dopoguerra da Christie's. "Era semplicemente così monumentale e così indicativo di ciò che possono fare gli NFT."


Alcuni fattori spiegano perché il lavoro di Beeple è diventato così prezioso. Per prima cosa, ha sviluppato un'ampia base di fan, con circa 2,5 milioni di follower sui canali social. Ed è notoriamente prolifico: come parte di un progetto chiamato "Everydays", Winkelmann crea e pubblica ogni giorno una nuova opera d'arte digitale. Il progetto è ora al suo 14 ° anno.


Allo stesso tempo, gli NFT sono esplosi nell'ultimo mese e, almeno per il momento, sono visti da molti come il modo in cui l'arte digitale verrà acquisita e scambiata in futuro. Per i collezionisti che credono che ciò sia vero, i prezzi in aumento non sono nulla in confronto a quanto varranno gli NFT lungo la strada, quando il resto del mondo avrà catturato il loro valore.


Christie's è anche una forza legittimante sia per l'arte di Winkelmann che per gli NFT come tecnologia. La casa d'aste di 255 anni ha venduto alcuni dei dipinti più famosi della storia, dall'unico ritratto conosciuto di Shakespeare creato durante la sua vita, all'ultimo dipinto di Leonardo da Vinci scoperto.



Combinate questo con Winkelmann già in prima linea nelle vendite NFT, e l'asta che oggi era destinata a stabilire record.


"Lo vedo come il prossimo capitolo della storia dell'arte", ha detto Winkelmann. "Ora c'è un modo per collezionare arte digitale."


Il pezzo che è stato venduto, Everydays: The First 5000 Days, è un collage del lavoro di Winkelmann che inizia all'inizio del progetto, quando pubblicava schizzi piuttosto rozzi. Attraversa anni di forme e scenari digitali in evoluzione fino all'inizio di quest'anno, quando pubblicava illustrazioni politiche estremamente rozze.


Il vincitore dell'asta non ottiene molto: un file digitale, per lo più, più alcuni vaghi diritti per presentare l'immagine. Ma Winkelmann si aspetta di lavorare con l'acquirente per trovare vari modi per mostrare fisicamente il pezzo, che sia su una TV di casa loro o proiettato sul "lato di un fottuto edificio" ad Art Basel.


C'è già stato un respingimento contro l'ascesa delle NFT. Un sacco di opere di discutibile valore artistico vengono vendute alle aste guidate dalla pubblicità. Le opere degli artisti sarebbero state rubate e messe all'asta come autentiche. E molti artisti sono preoccupati per l'impatto sul clima delle vendite d'arte che fanno affidamento sulla tecnologia blockchain, notoriamente inefficiente per design. (Winkelmann ha detto che intende acquistare la compensazione del carbonio per tutte le sue NFT in futuro in modo che il loro impatto sia nettamente positivo)


Christie volge l'attenzione nel promuovere lo spazio in modo "estremamente ponderato".



Il piano non è quello di attirare artisti più tradizionali nel mondo digitale (un Jeff Koons NFT non è il prossimo nella lista, ha scherzato Davis), ma di lavorare con artisti digitali affermati per esplorare la loro "storia dell'arte alternativa".


Rodriguez-Fraile crede che la prossima ondata di artisti e collezionisti vedrà gli NFT semplicemente come il modo in cui l'arte viene acquistata e venduta.


"Sono fiducioso che non sia solo hype"

"È il catalizzatore di una generazione."




CATEGORIE

IN EVIDENZA