Alfred Sisley

Aggiornato il: apr 20



Alfred Sisley era un rinomato e notevole pittore impressionista francese, meglio conosciuto per i suoi paesaggi è classificato tra i grandi artisti impressionisti come Claude Monet e Pierre Auguste Renoir, che erano anche suoi stretti amici e collaboratori.


Alfred Sisley è nato il 30 ottobre 1839 a Parigi, in Francia. Suo padre, William Sisley, era un prospero uomo d'affari inglese che gestiva un'attività di seta, mentre sua madre, Felicia Sell, era un'intenditrice di musica sofisticata e colta. Sebbene provenisse da una prolifica famiglia inglese, la guerra franco-tedesca aveva quasi rovinato le prospettive finanziarie della famiglia Sisley. All'età di 18 anni, il giovane Alfred fù mandato a Londra per seguire una formazione in economia aziendale, tuttavia, una volta a Londra, incontrò le opere dei paesaggisti inglesi, le opere di Richard Parkes Bonington, John Constable e J.M.W. Turner quest'ultimo ha avuto una profonda influenza su di lui.


Dopo quattro anni di studio delle dinamiche degli affari, Alfred si era stancato di diminuire la sua passione per l'arte. Sistematosi economicamente, adottò la pittura come carriera a tempo pieno. Tornato dall'Inghilterra, si iscrisse alla prestigiosa Ecole des Beaux-Arts di Parigi, dove fece amicizia con altri artisti impressionisti come Pierre-Auguste Renoir, Camille Pissarro e Claude Monet. Nel 1862, Alfred iniziò a frequentare l'Atelier del noto artista svizzero Marc-Charles Gabriel Gleyre. Nel 1868, espose il suo primo dipinto di paesaggio, "Viale dei castagni", in una mostra d'arte che si tenne al prestigioso Salon.


Poco dopo, Alfred espose sei dipinti di paesaggi, tra cui "Autunno: rive della Senna", alla prima mostra impressionista. Nel 1874, sponsorizzato dal mecenatismo del prolifico baritono francese Jean-Baptiste Faure, si trasferì in Inghilterra, dove gli fu commissionato di dipingere una serie di dipinti a Hampton Court, come "Molesey Wier, Hampton Court". Ha presentato il suo lavoro alla seconda e, successivamente, alla terza mostra impressionista. Tuttavia, Alfred non ha incontrato fama e successo di critica fino a quando non è stato menzionato in L'Impressioniste, una rivista gestita da Georges Riviere, elogiando il suo "talento affascinante, gusto, sottigliezza e tranquillità".


In seguito a questa menzione da parte di un influente critico d'arte, il lavoro di Alfred iniziò a raccogliere attenzione e consensi, e ora si dice che sia il più raffinato e puro di tutti gli artisti paesaggisti nel mondo dell'arte impressionista del XIX secolo. Alfred ha dipinto un totale di 900 dipinti ad olio, che includono pochissime nature morte e ancora meno scene di genere. La sua arte si è concentrata principalmente sui paesaggi e il suo lavoro ha coperto la bellezza paesaggistica che va da Londra, Galles, Moret-sur-Loing alla serenità delle foreste di Fontainebleau e Louveciennes.



Sisely fu infettato dalla malattia del cancro alla gola e, dopo una lunga lotta con la sua malattia, morì il 29 gennaio 1899 a Moret-sur-Loing, in Francia. Alcuni dei suoi lavori più noti e acclamati includono "Il ponte a Moret-sur-Loing", "Il vicolo dei pioppi a Moret", "Street in Moret" e "Sand Heaps".



CATEGORIE

IN EVIDENZA